WEEKEND 26/27 SET 2020

JEEP SAFARI
FORESTA UMBRA
ISOLE TREMITI
VIESTE

SAB 26 SETT in mattinata partenza per Vieste, arrivo a destinazione e giro in Jeep per SAFARI NELLA FORESTA UMBRA. Si consiglia di munirsi di scarpe chiuse e pantaloni lunghi. Partenza per località S. Salvatore dove ci sarà la visita di un’antica masseria, risalente al 1820. Si prosegue per Tacca del Lupo dove ci saranno cenni sulla nascita del bosco, la sua evoluzione e importanza, la biodiversità e lo sviluppo sostenibile. Inoltre ci saranno nozioni di orientiring e su come datare gli alberi senza tagliarli. DEGUSTAZIONE di prodotti locali. Si prosegue per la Foresta Umbra con un piccolo trekking in un sentiero (percorso semplice), per l’escursione cenni sulla fotosintesi clorofilliana, sulle tecniche per riconoscere gli alberi e il macrosomatismo degli stessi e cenni sui cambiamenti climatici in atto. Al termine del Safari, trasferimento presso il centro storico e passeggiata di VIESTE ricco di cultura e di storia, è estremamente suggestivo per le sue stradine strette e sinuose talvolta congiunte da degli archi, ed è reso caratteristico dalle sue case bianche e le scalinate. Tra le intricate e caratteristiche stradine troviamo la Cattedrale, con il suo bellissimo campanile che si erge a guardia della città. In questa zona è presente anche il Castello federiciano, da cui è possibile ammirare dall’alto il Pizzomunno, monolito calcareo, enorme roccia bianca incastrata sulla battigia, davanti al paese simbolo della città di Vieste. Tempo a disposizione per shopping.
DOM 27 SETT in mattinata trasferimento al porto di Vieste e imbarco sulla motonave per raggiungere le Isole Tremiti. L’arcipelago delle Isole Tremiti è un piccolo angolo di paradiso, la vegetazione rigogliosa, la natura incontaminata, la limpidezza del mare, i fondali puliti, le coste aperte da cale e grotte suggestive creano zone di una bellezza eterea. E’ formato da cinque isole: San Domino la più grande, è la più bella dal punto di vista paesaggistico-naturalistico, San Nicola è l’isola storica delle Tremiti abitata da vari ordini di monaci per quasi mille anni, e ricca di monumenti e ricopre un rilevante interesse storico-artistico. Le altre due isole Capraia, Cretaccio le più vicine alle due isole principali sono disabitate e Pianosa la più distante anch’essa disabitata. Questo straordinario santuario della natura si è visto assegnare il riconoscimento di Bandiera Blu. Arrivo sull’isola di S. NICOLA e visita all’Abbazia S. Maria a Mare e della sua Chiesa romanico-pugliese, visita dei luoghi della memoria del mito Diomede e della colonia penale. Trasferimento in barca sull’isola di SAN DOMINO, (possibilità di balneazione), interamente ricoperta da una lussureggiante pineta a Pino d’Aleppo, è uno dei centri turistici più importanti dell’intera regione. Qui c’è la casa di Lucio Dalla e molte delle sue canzoni (Piazza Grande, La casa in riva al mare, 4 marzo 1943, Com’ è profondo il mar) sono nate su questi scogli ed in questo mare. Giro in barca visita alle tante grotte con sosta bagno. Rientro a Bari previsto in serata.

_________________________________________________________

WEEKEND 12/13 SETT 2020

LA VALLE DEL SAGITTARIO
SCANNO
Il borgo e il suo lago a forma di cuore
VILLALAGO
Il lago e l’eremo di San Domenico

SULMONASAB 12 SET SULMONA è situata nel cuore verde dell’Abruzzo, non molto lontano dal Parco nazionale della Majella. Città molto antica la fondazione che, secondo la leggenda, avvenne grazie a Solimmo uno dei compagni di Enea, è una città che svela i suoi segreti e accoglie con storia, arte e dolcezza, ha dato i natali a Publio Ovidio Nasone, cantore dell’amore e delle Metamorfosi. Sarà anche per questo che passeggiando per il corso e i vicoli sarà come sentirsi protagonisti mentre la storia riempie gli scorci con palazzi, monumenti e piazze tutte da scoprire ed un acquedotto medievale perfettamente funzionante. E’ noto a tutti che il comune di Sulmona deve la sua fama mondiale alla produzione di confetti con una storia che risale sino al XV secolo.
DOM 13 SET SCANNO annoverata tra i Borghi più belli d’Italia, adagiata tra la valle del Sagittario, è una meraviglia ai confini del Parco Nazionale d’Abruzzo, tra la Montagna Grande e il Monte Godi. Gemma nel cuore d’Abruzzo, viene chiamato il paese delle favole per l’atmosfera incantata, con scorci decisamente suggestivi che appaiono qua e là, con curiosi portali settecenteschi che ornano le case e che ricordano grandi floridezze passate. Un paese con tanti anni di storia talmente antico da avere un’origine intrisa di leggenda e mistero che si perde al tempo dei Sanniti. Passeggiando per le sue viuzze, si possono ancora scovare vecchie botteghe artigiane, le belle stradine lastricate, lunghe scalinate e viuzze che si affacciano sulle pendici boscose delle montagne, così vicine che sembra quasi di toccarle con le dita, è il luogo perfetto per fare foto. Esiste infatti una via dei fotografi, perché da qui la vista sul centro storico e sul panorama è senza eguali. Al termine della visita trasferimento al LAGO DI SCANNO, il lago è un posto molto suggestivo, il più grande bacino naturale dell’Abruzzo, è un’oasi di pace circondato da prati con quella sua caratteristica forma a cuore, sulla riva sorge la chiesetta della Madonna del lago. Possibilità di gita in barca o in pedalò. Si prosegue per il LAGO DI SAN DOMENICO, angolo di paradiso nel cuore dell’Abruzzo. Sulle acque di questo piccolo specchio d’acqua si riflette un eremo dall’antichissima storia che offre un panorama davvero suggestivo, l’EREMO DI SAN DOMENICO, con una splendida chiesetta di origine medievale. L’edificio sorge sul lago presso una grotta naturale scavata nella roccia calcarea all’interno della quale, si racconta, avrebbe trovato riparo il monaco benedettino san Domenico, attorno all’anno 1000. Il lago di San Domenico è un posto che conserva un fascino davvero unico. Sono molte le meraviglie che si possono ammirare in questa zona, a partire dalle cascatelle della sorgente Sega che si tuffano nelle acque del lago. Tutt’intorno, la natura regna sovrana, trovandoci a poca distanza dal Parco nazionale d’Abruzzo, la flora e la fauna sono particolarmente ricche. Rientro a Bari, previsto in serata.

________________________________________________________ 

SAB 05 SET 2020

COSTIERA AMALFITANA
MINICROCIERA
POSITANO AMALFI
POSSIBILITÀ DI BALNEAZIONE

In mattinata partenza per Porto turistico di Salerno; imbarco sulla motonave privata per MINICROCIERA COSTIERA AMALFITANA POSITANO & AMALFI per visitare i luoghi del mito e degli Dei, prima tappa POSITANO gioiello della Costiera Amalfitana, uno scrigno straripante di paesaggi mozzafiato, mare blu intenso, cibo fantastico, e moda. Non esiste località simile al mondo, così caratteristica per le sue case sul mare e i locali che spuntano incastonate nella montagna in ogni dove. Famoso per il tipico paesaggio, Positano è un intreccio di vicoletti caratterizzati dal piacevole profumo fresco di limoni del posto e dove piccoli negozi si alternano lungo le scalinate che portano verso il mare; tempo a disposizione per shopping e balneazione; sosta e visita libera di circa tre ore; si prosegue con motonave per AMALFI una delle Perle della costiera amalfitana, arroccata nello splendido e suggestivo Golfo di Napoli, Amalfi è una piccola città che attira ogni anno migliaia di visitatori da tutto il mondo, proprio per il suo incanto, la sua mondanità e le sue bellezze paesaggistiche e architettoniche. Il centro storico con la sua vivace e coloratissima Piazza Duomo, nella piazza domina la meravigliosa Cattedrale, che si affaccia direttamente sul mare. Il maestoso Duomo che, con la sua infinita scalinata e il suo stile arabo-siciliano, non può che incantarci. Sul lato sinistro del portico, il bellissimo Chiostro del Paradiso, completamente edificato in stile orientale, con archi e sottilissime colonnine binate; tempo a disposizione per shopping e balneazione; sosta e visita libera di circa tre ore; imbarco e rientro al porto di Salerno. Rientro a Bari previsto in serata.

________________________________________________________

DAL 14 AL 20 AGO
FERRAGOSTO 2020

LA SCIARA DEL FUOCO

MINICROCIERA ISOLE EOLIE
STROMBOLI BY NIGHT & PANAREA
DIAMANTE, TROPEA, ZUNGRI, PIZZO, CHIANALEA DI SCILLA, SERRA SAN BRUNO

VENERDI’ 14 AGOSTO DIAMANTE In mattinata partenza per Diamante. La piccola cittadina di DIAMANTE, “la perla del Tirreno”, si trova nell’incantevole Riviera dei Cedri, lungo uno dei tratti più caratteristici della costa cosentina. Un paese di pescatori, che ha conservato il suo antico e genuino fascino. Le case del centro storico, tutte arroccate su di un promontorio a picco sul mare, si presentano ancora oggi in tutta la loro semplicità, che rende questo borgo della Riviera dei Cedri unico al mondo. Le bianche case del centro storico indossano con eleganza i delicati colori di murales spettacolari, delle vere e proprie opere d’arte. Ogni murales conserva il passato del borgo, mentendo sempre vivi i ricordi della gente del posto, ma al contempo trasforma il centro storico e lo proietta verso un futuro diverso, più vivace, più ricco. Con i suoi bellissimi Murales Diamante occupa un posto nella lista delle “Città dipinte”. Al termine della visita assegnazione delle camere in hotel, situato in un punto meraviglioso sulla Costa Viola della Riviera dei Gelsomini, una meravigliosa terrazza con vista mozzafiato sulle Isole Eolie e sullo stretto di Messina, lo splendido giardino di alberi e fiori e una piscina con cascata molto suggestiva.
SABATO 15 AGOSTO TROPEA Mattinata di relax in piscina o in spiaggia libera o attrezzata, nel pomeriggio trasferimento a TROPEA, “Perla del Tirreno”, visita al Santuario di Santa Maria dell’Isola simbolo di Tropea, conosciuto in tutto il mondo, di singolare bellezza per la sua posizione. Il Santuario sorge in cima ad una piccolissima isoletta su di uno scoglio di arenaria che fino a qualche secolo fa era circondato dal mare. Esso si erge da quasi mille anni a vegliardo e custode della città, ed è uno dei posti più affascinanti e più visitati di tutta la Calabria. Spicca tra tutti i monumenti di Tropea. Questo luogo è davvero molto importante per gli abitanti di Tropea. Si prosegue con la passeggiata per il centro storico di Tropea.
DOMENICA 16 AGOSTO CHIANALEA DI SCILLA Mattinata di relax in piscina o in spiaggia, oppure GIRO IN BARCA facoltativo, alla scoperta dell’incantevole e meravigliosa COSTA VIOLA vista dal mare, il litorale calabrese offre un paesaggio spettacolare fatto di calette nascoste grotte e mare cristallino, su cui domina una natura incredibile, tempo a disposizione per soste bagno, nel pomeriggio trasferimento a Chianalea di Scilla. Insignito tra i Borghi più Belli d’Italia CHIANALEA DI SCILLA è un vecchio borgo di pescatori, un luogo incantato dove le case possono essere paragonate a barche in continuo contatto con il mare. Una piccola gemma della costa Viola, fatta di casette a picco sul mare, di panorami sullo Stretto che rapiscono, di sfumature dal verde smeraldo che lasciano lì con gli occhi che non riescono più a staccarsi da quella meraviglia. Da sempre è definita “la piccola Venezia del Sud” per i suoi canali che si intersecano nel borgo. Le case sono costruite direttamente sugli scogli e separate da piccole viuzze, proprio come i canali della Serenissima.
LUNEDI’ 17 AGOSTO MINICROCIERA PANAREA & STROMBOLI BY NIGHT – “SCIARA DEL FUOCO” In mattinata trasferimento al porto per Minicrociera Isole Eolie, PANAREA & STROMBOLI BY NIGHT, arrivo al porto e inizio operazioni di imbarco, partenza per raggiungere l’isola di PANAREA, è l’isola più piccola delle Eolie, la cui superfice misura 3,3 Kmq, ma per fascino e bellezza è davvero unica. E’ stata abitata fin dai tempi preistorici, ed oggi conta circa 280 abitanti nel periodo invernale. L’isola è piccola, ma è anche la più antica dell’arcipelago. Sull’isola non c’è illuminazione stradale e la luce trapela dai locali e dalle case. Arrivo a Panarea e sosta di tre ore circa per visitare l’Isola, possibilità di fare il bagno. Partenza per I’isola di STROMBOLI, arrivo a destinazione e sosta di tre ore circa per visitare il paesino d’incanto, dai colori nero e verde sono le tonalità predominanti che si perdono nel blu del cielo e del mare, un’isola aspra e suggestiva, le spiagge sono tutte di sabbia vulcanica, quindi nerissima, il cui colore fa da contrasto con il bianco delle case. Tempo a disposizione per lo shopping. Partenza alle ore 19.30 circa dal porto di Stromboli. Visita alla famosa “Sciara del Fuoco” sosta di 30 minuti circa, per assistere alle spettacolari esplosioni del vulcano. Rientro al porto.
MARTEDI’ 18 AGOSTO ZUNGRI Mattinata di relax in piscina o in spiaggia libera o attrezzata, nel pomeriggio trasferimento a ZUNGRI, insediamento Rupestre delle Grotte di Zungri, definito “la piccola Matera della Calabria” qualcuno la definisce “la piccola Cappadocia”, altri ne parlano come “la piccola Petra di Calabria” perché si tratta di città di pietra scavata nella nuda roccia. Un antico insediamento incastonato nella pietra che rivolge il proprio sguardo su una profonda vallata con vista sulla costa degli Dei, uno dei mari più belli della Calabria. Un luogo magico in cui immergersi in un’altra civiltà, fatta di grotte scavate nell’arenaria e di sorgenti naturali che sgorgano dal nulla.
MERCOLEDI’ 19 AGOSTO PIZZO CALABRO Mattinata di relax in piscina o in spiaggia libera o attrezzata, nel pomeriggio trasferimento a Pizzo Calabro. PIZZO è un incantevole Borgo sulla costa degli Dei, arroccato su un promontorio al centro del Golfo di Sant’Eufemia a picco sul mar Tirreno, conosciuto per il famoso tartufo. La piazza è il cuore del borgo antico, e da quest’ultima parte una fitta rete di vicoli che caratterizza le sue viuzze del centro storico. Visita al Castello Aragonese e alla Chiesa di Piedigrotta, molto particolare la chiesetta in quanto scavata nella roccia arenaria alla fine del Seicento, per mano di alcuni naufraghi provenienti da Napoli, al fine di ringraziare Dio per le vite salvate. Al suo interno si ammirano molte statue scolpite nel tufo, rese particolarmente suggestive dalla luce che penetra dalle fessure della roccia. La bellezza del luogo è sublime, per il senso di spiritualità che si avverte.
GIOVEDI’ 20 AGOSTO CERTOSA DI SERRA SAN BRUNO In mattinata consegna delle camere e trasferimento alla CERTOSA DI SERRA SAN BRUNO, tra i secolari alberi di faggio e abete bianco sorge la Certosa di Serra San Bruno è caratterizzata da un’atmosfera di pace e misticismo. L’Abbazia, che vanta una storia millenaria, è stato il primo convento certosino in Italia. Fu fondata da Bruno di Colonia nel lontano 1090. Il Santo cercava un luogo silenzioso, immerso nella natura incontaminata per ritirarsi a vita monastica e dedicarsi alla contemplazione. Visita al Museo; si prosegue con la passeggiata al Santuario e al centro storico di Serra San Bruno. Rientro a Bari, previsto in serata.

_________________________________________________________

DAL 24 AL 26 LUG 2020

MARCHE
Borghi Marinari
Perle Medievali della costiera marchigiana, borghi arroccati a picco sul mare, con panorama mozzafiato, spaziando dal mare ai monti.
FERMO, PORTO, RECANAT,I NUMANA, SIROLO, TORRE DI PALMA, GROTTAMARE.

VEN 24 Fermo. In mattinata partenza per Fermo, arrivo a destinazione e visita di FERMO una città d’arte e di cultura, con un centro storico pieno di tesori, è un borgo medievale che ha mantenuto intatte le sue stradine in pietra, i suoi edifici rinascimentali e le antiche testimonianze legate all’epoca picena e romana. Al termine della visita, assegnazione delle camere presso hotel.
SAB 25 RIVIERA DEL CONERO Porto Recanati, Numana, Sirolo. Prima colazione, trasferimento a Porto Recanati, arrivo a destinazione e visita di PORTO RECANATI è una delle località turistiche di eccellenza della Riviera del Conero, cittadina di pescatori racchiusa nella meravigliosa cornice del Monte Conero. Sul lungomare che costeggia il litorale si affacciano le tipiche casette colorate dei pescatori del borgo marinaro che rimarrà impresso a lungo nel cuore per i colori vivaci e solari, per le atmosfere, gli odori e i suoni legati ad un’esistenza dominata dalla presenza del mare. Possibilità di balneazione. Trasferimento a NUMANA, un antico borgo di pescatori oggi considerata “la Signora del Conero” incastonata tra il verde del Parco del Conero e l’azzurro del mare, antichissime le sue origini che risalgono al VI secolo a.c., periodo dei Piceni;; trasferimento a SIROLO, la Perla dell’Adriatico, paesino di origine medievale, nella meravigliosa Riviera del Conero. Il borgo contiene l’essenza della Riviera con i suoi panorami, profumi ed il mare stupendo. Sirolo è davvero un gioiellino con i suoi colori e i suoi angoli fioriti, elegante e accogliente.
DOM 26 Torre di Palma, Grottamare. Prima colazione, consegna delle camere, trasferimento a Torre di Palma. Sull’incantevole costa marchigiana sorge uno tra i borghi più belli d’Italia TORRE DI PALME il suggestivo centro storico è un fantastico balcone panoramico sulla cima di un colle in posizione dominante la costa ed il mare Adriatico. La cittadina si distingue per la conservazione del suo ambiente e per l’uniformità stilistica degli edifici medievali e rinascimentali, elementi che ne fanno, nonostante le piccole dimensioni, uno dei centri storici più interessanti della regione. In uno spazio davvero ristretto, infatti, sono concentrati monumenti e scorci di eccezionale bellezza; trasferimento a Grottamare, si prosegue con la visita guidata di GROTTAMMARE, uno dei borghi più belli d’Italia, è una vera Perla dell’Adriatico incastonata lungo la costa marchigiana, è anche una località di mare tra le più belle di tutte le Marche, è un bellissimo borgo che vanta una storia antica ed è inserito nello scenario naturale della Riviera delle Palme. L’abitato si estende sino alla costa e alle spiagge. Rientro a Bari previsto in serata.

________________________________________________________

DOM 19 LUG 2020

LE PERLE DEL GARGANO
VIESTE & PESCHICI

In mattinata partenza per Vieste (FG) tutta la costa del Gargano si distingue per la sua incomparabile bellezza, ma tale innegabile qualità viene ulteriormente rafforzata dai TRABUCCHI di cui essa è costellata, in particolare nella parte di litorale che va da Peschici a Vieste. Sono delle strutture in legno, costituite da palafitte ancorate alla terraferma, dotate di “antenne” che si allungano verso il mare; corde e carrucole poi reggono una grossa rete, chiamata trabocchetto (da qui deriva il nome trabucco); arrivo a destinazione e visita guidata al centro storico di VIESTE ricco di cultura e di storia, è estremamente suggestivo per le sue stradine strette e sinuose talvolta congiunte da degli archi, ed è reso caratteristico dalle sue case bianche e le scalinate. Tra le intricate e caratteristiche stradine troviamo la Cattedrale, con il suo bellissimo campanile che si erge a guardia della città. In questa zona è presente anche il Castello federiciano, da cui è possibile ammirare dall’alto il PIZZOMUNNO, monolito calcareo, enorme roccia bianca incastrata sulla battigia, davanti al paese simbolo della città di Vieste; al termine della visita, in caso di condizioni atmosferiche ottimali, possibilità di effettuare giro in barca per esplorare le grotte marine; trasferimento a Peschici km 23, si prosegue con la visita guidata di PESCHICI (FG), passeggiata al centro storico molto caratteristico, fatto di scale e case che degradano verso il mare con un percorso irregolare. Il paese, ricco di botteghe e negozietti invitano allo shopping, tempo libero a disposizione. Rientro a Bari previsto in serata.

_________________________________________________________

DOM 21 GIU 2020

LE PERLE DEL SALENTO
OTRANTO & CASTRO MARINA

In mattinata partenza per CASTRO, arrivo a destinazione e visita alla favolosa GROTTA DELLA ZINZULUSA, una delle più grandi e importanti grotte pugliesi è annoverata tra le dieci grotte più importanti al mondo ed è meta di qualificate spedizioni scientifiche. Situata sulla costa di Castro, si apre con una grandiosa apertura sul Mar Adriatico. Zinzulusa, al centro del Parco Naturale Otranto – S. Maria di Leuca, spalanca la bocca tra rocce altissime a strapiombo sul mare. Le danno il nome le numerose stalattiti pendenti dalla volta dell’ingresso, simili a brandelli di stoffa, “zinzuli” nel dialetto locale. Per la rilevanza biologica e naturalistica, al suo interno si ammirano i laghetti, le formazioni calcaree, le stalattiti e le stalagmiti che la decorano con affascinanti merlettature: le sentinelle, il pulpito, le cascate, l’aquila, il prosciutto, il presepe, la cripta, fino al duomo. Nel Cocito, laghetto sotterraneo, sono presenti organismi rari. Bellissimi i dintorni, con coste dirupate, acque limpidissime e incantevoli insenature, al termine escursione in barca e visita alla Grotta azzurra e palombara. Trasferimento OTRANTO è il borgo della Puglia che si trova più ad oriente d’Italia, è una striscia di terra che si allunga nel mare. I suoi abitanti sono i primi italiani a vedere il sorgere del sole. È chiamata anche la porta d’oriente essendo stata nei secoli passati un crocevia di culture diverse. Otranto PATRIMONIO CULTURALE DELL’UNESCO come “luogo messaggero di pace”, grazie alla sua posizione nel mar Mediterraneo e alla sua lunga storia da protagonista di scambi culturali. Il centro storico è racchiuso da mura difensive e offre numerosi scorci dai quali è possibile osservare il mare cristallino che lo bagna. Vi si accede da Porta Alfonsina e, una volta varcata, sembra di entrare in una dimensione dove il tempo si è fermato: cortili, stretti vicoli, scalinate in pietra, caratteristiche casette e le antiche botteghe di una volta rendono viva questa parte della città. Le suggestive atmosfere che si respirano passeggiando per i vicoli di Otranto hanno ispirato importanti scrittori. Tra questi Italo Calvino che proprio qui ha ambientato il suo racconto “La fiaba dei Gatti”. Inoltre lo scrittore inglese Horace Walpole è stato talmente affascinato dal Castello Aragonese di Otranto da intitolare il suo romanzo “Il castello di Otranto”, considerato il primo libro del filone narrativo gotico. Partenza per Bari rientro previsto in serata.

_________________________________________________________

DAL 11 AL 13 APRILE 2020

Annullata causa emergenza covid.

LA MAREMMA TOSCANA
& L’ARGENTARIO
GROSSETO, ORBETELLO, PORTO ERCOLE, SORANO
CASTIGLIONE DELLA PESCAIA, PITIGLIANO

SAB 11 APR Porto Ercole – Orbetello. In mattinata partenza per Porto Ercole, arrivo a destinazione e visita. PORTO ERCOLE è un borgo toscano, annoverato tra i Borghi più belli d’Italia dai paesaggi incantevoli. Fa parte del comune di Monte Argentario in provincia di Grosseto. E’ una rinomata località turistica per la sua tradizione basata sul mare. E’ anche un piccolo scrigno di tesori dal punto di vista storico ed architettonico. Si prosegue con la visita di Orbetello GR. La magnifica città di ORBETELLO è una piccola Venezia, con i barchini dei pescatori al posto delle gondole, sorge nel mezzo dell’omonima laguna, si trova al centro tra la Laguna di Ponente e quella di Levante, collegata al Monte Argentario da una strada costruita su una diga artificiale. Una passeggiata nel centro storico consente di ammirare la parte antica di Orbetello, mentre dall’alto, il panorama dell’importante riserva naturale dell’Oasi WWF Laguna di Orbetello e la Riserva Naturale Duna Feniglia, che abbraccia l’incantevole bellezza naturale del luogo.
DOM 12 APR Castiglione della Pescaia – Grosseto. In mattinata visita di CASTIGLIONE DELLA PESCAIA, è uno splendido borgo della Maremma, immerso nel cuore della Bassa Toscana. Meta turistica di pregio, tra le più rinomate della costa maremmana. Questo piccolo borgo si è guadagnato l’appellativo di “Piccola Svizzera”; questo nasce dal fatto che più volte, nel recente passato, Castiglione della Pescaia si sia distinta per qualità delle acque, preservazione ambientale ed eccellenza nell’offerta turistica. Per questi motivi, Legambiente e il Touring Club Italiano riconoscono questo borgo come una delle località più belle della Toscana e d’Italia, mentre l’antico borgo medievale incanta per le sue testimonianze storiche, tra le mura, le archibugiere e le antiche porte. Nel pomeriggio visita di GROSSETO, è una raffinata città della Toscana, un gioiello con un centro storico intatto racchiuso in imponenti antiche mura di cinta e bastioni. Entrando nel borgo antico si ha l’impressione di calpestare secoli di storia, tutto sembra sospeso nel tempo. Vale la pena passeggiare tra le stradine acciottolate del centro dominato dalla Fortezza Medicea, da lassù la vista è sul mare e la terra.
LUN 13 APR Pitigliano – Sorano. In mattinata visita di PITIGLIANO l’antica città del tufo, nel cuore della Maremma Toscana. Arroccato su un blocco di tufo, racchiude una storia millenaria, località di rara ed unica bellezza, un posto meraviglioso. Pitigliano, infatti, fa parte di un’area meglio conosciuta come “borghi del tufo”, situata vicino al confine tra Toscana e Lazio. É nota come la Piccola Gerusalemme per la storica presenza della comunità ebraica, importanti testimonianze, come la Sinagoga al centro dell’antico Ghetto. Annoverata tra i Borghi più Belli d’Italia ha antichissime origini. Abitata sin dal neolitico, Pitigliano conserva intatta la sua bellezza storica, resa famosa dalla presenza di uno dei più bei palazzi nobiliari italiani: il trecentesco palazzo Orsini. Si continua con la visita di Sorano, la sorella minore di Pitigliano, detta anche ‘la Matera della Toscana’. Titolo conquistato grazie ai suoi villaggi rupestri e le suggestive vie delle cave frequentate dal periodo etrusco. Il borgo di SORANO sorge su una ciclopica rupe di tufo che sovrasta la profonda valle formata dal fiume Lente, a sud, nel punto più alto, si staglia la poderosa Fortezza Orsini; un vero e proprio capolavoro di strategia difensiva. Il borgo è incantevole e il suo centro storico semplicemente strepitoso. Le mura sono le fortificazioni che costituivano il sistema difensivo del borgo. Costruite durante il periodo medievale risultano a tratti incorporate nelle pareti esterne di alcuni edifici del centro storico, con alcune soluzioni di continuità nei punti in cui la rupe di tufi costituiva un naturale baluardo difensivo. Rientro a Bari previsto in serata.

_________________________________________________________

WEEKEND 14/15 MAR 2020

Annullata causa emergenza covid.

FELLINI 100
GENIO IMMORTALE
Mostra RIMINI

BORGHI più belli D’ITALIA
CORINALDO GROTTAMARE

SAB 14 MARZO CORINALDO In mattinata partenza per Corinaldo AN, arrivo a destinazione e visita del centro storico di CORINALDO uno dei Borghi più belli d’Italia, in provincia di Ancona. Situato sulla sommità di un colle sulla riva sinistra del fiume Nevola, è insignito anche della Bandiera Arancione ed è una Destinazione Turistica d’Eccellenza Europea, un misto tra storia, arte, tradizione e spiritualità. Qui è nata Santa Maria Goretti. Le imponenti Mura di Corinaldo di fine Trecento sono una delle caratteristiche più affascinati della città e possono essere percorse a piedi. Sono fra le mura fortificate più lunghe e intatte delle Marche, fra le meglio conservate di tutto il centro Italia. Il centro del borgo, dal carattere tipicamente medievale, è un susseguirsi di vie strette e abitazioni in laterizi.
DOM 15 MARZO RIMINI – GROTTAMARE IN mattinata visita di Rimini per scoprire i luoghi che più hanno influito sull’immaginario felliniano. La città dove visse Fellini i luoghi legati al suo vissuto e che lasciarono in lui tracce indelebili. Dalle piazze, al cinema Fulgor, al Borgo San Giuliano, per poi giungere al mitico “Grand Hotel”. Si prosegue il percorso con la visita alla straordinaria MOSTRA “Fellini 100 Genio immortale. La mostra”, presso Castel Sismondo, l’esposizione dedicata al Maestro del cinema, un viaggio emozionante e multimediale nell’immaginario felliniano. A 100 anni dalla nascita del Maestro del cinema FEDERICO FELLINI, Rimini celebra il Maestro per un intero anno con una serie di iniziative partite sabato 14 dicembre con l’inaugurazione della mostra, per l’occasione trasformate in 14 suggestivi ‘set’ dedicati all’arte e all’immaginario del Maestro del cinema mondiale. L’esposizione, ideata e progettata da Studio Azzurro di Milano, è una mostra itinerante che, riporta in primo piano memorie, emozioni, fotogrammi, scene, suggestioni provenienti da quel mondo straordinario capace di dirci tutta la verità su noi stessi con l’irresistibile fascino universale del sogno. La Mostra presenta tanto materiale inedito che restituirà al visitatore l’immaginario felliniano. Tra le varie sezioni che la compongono, una presenta il materiale del Fondo Nino Rota, il celebre compositore che ha collaborato con Fellini su molti film. Una mostra inedita su Fellini, perché porta al centro del proprio percorso la visione dei film, e questo grazie alla partecipazione sia dei produttori più o meno recenti (come Cristaldi, Titanus, De Laurentiis, Grimaldi, Rai Cinema) sia di coloro che in questi anni, come Mediaset, hanno custodito e tutelato una parte considerevole della filmografia. Dopo l’allestimento riminese, la mostra comincerà il suo viaggio itinerante in Italia e all’estero. La prima tappa sarà a Roma, per poi varcare i confini nazionali con esposizioni a Los Angeles, Mosca e Berlino. Trasferimento a GROTTAMMARE, in provincia di Ascoli Piceno, nelle Marche, è una vera e propria perla dell’Adriatico infatti oltre ad essere uno dei borghi più belli d’Italia è anche una località di mare tra le più belle di tutte le Marche. Grottammare è un bellissimo borgo che vanta una storia antica ed è inserito nello scenario naturale della Riviera delle Palme. L’abitato si estende sino alla costa e alle spiagge, l’antico incasato invece costituisce in collina il suo centro storico e che racconta la storia di questa destinazione. Rientro a Bari previsto in serata.

________________________________________________________

DOMENICA 01 MAR 2020

MATERA
Spettacolo negli Ipogei Motta
MIGLIONICO
Castello del Malconsiglio

In mattinata partenza per Miglionico (MT) piccolo borgo della Basilicata, soprannominato “Napulicch”, la piccola Napoli per alcune leggende legate alla città partenopea, posto in cima a un complesso di quattro colline, immerso in un paesaggio naturale incantevole tra i fiumi Bradano e Basento. In questo piccolo abitato si nascondono tesori storici e artistici di grande valore. Le origini di MIGLIONICO si perdono nel tempo, dominata prima dai bizantini e poi dai normanni che nell’XI secolo costruirono il Castello del Malconsiglio simbolo della città per eccellenza, che domina un crinale della collina, imponente e maestoso, dove si tenne la congiura dei Baroni (1485) contro Ferdinando I di Napoli. Al termine dell’interessante visita guidata al Castello trasferimento a Matera; arrivo a destinazione e tempo libero a disposizione per PRANZO libero, passeggiata nel centro storico di MATERA. Alle Ore 18,00 assisteremo allo Spettacolo itinerante negli Ipogei Motta di Matera, una rappresentazione teatrale dal titolo “La strage di Matera”, a cura di Ulderico Pesce. Uno spettacolo teatrale ispirato ai tragici eventi che hanno colpito la città dei Sassi il XXI settembre 1943, quando la città insorse contro il regime nazi-fascista e negli scontri contro le truppe tedesche persero la vita 26 persone. Lo spettacolo è il risultato di un laboratorio teatrale tenuto nel Campus universitario da Ulderico Pesce ed altri professionisti, che ha coinvolto attori e musicisti materani e una parte della comunità di Matera. L’opera teatrale ha riscosso un notevole successo di pubblico. “Parlare di Matera e dei Sud del mondo mi riempie di gioia!”. E con la stessa gioia il Sud ripaga il regista Ulderico Pesce.Nelle note di regia Ulderico Pesce scrive: “La memoria è la chiave del futuro. Matera ha una settembre del 1943, riuscirono a cacciare i nazisti invasori. Le scintille della rivolta scoppiarono nell’oreficeria Caione in via San Biagio e nella barberia Campanaro in Piazza Vittorio Veneto. A proposito di memoria, di porte e di chiavi, dobbiamo impegnarci affinché questi due luoghi diventino due importanti simboli della “lotta italiana” contro il nazismo. Vedere che in questi luoghi oggi ci sono un bar e un locale di “macchinette” che vendono i “cavatappi alla amatriciana” in busta e “la pasta al pesto”, è un po’ triste. Questi luoghi sono, con altri, i più alti simboli della nostra terra. Dovrebbero essere “case della memoria”. Questo nostro lavoro vuole dare un piccolo contributo alla costruzione di un percorso da compiere”. Al termine della suggestiva ed emozionante rappresentazione teatrale Rientro a Bari previsto in serata.

________________________________________________________

WEEKEND 22/23 FEB 2020

R  O  M  A
FRIDA KAHLO
Mostra Sensoriale Immersiva
IL CAOS DENTRO
ROMA SOTTERRANEA E LA BASILICA SAN CLEMENTE
TERME DI CARACALLA
QUARTIERE COPPEDE’
CARNEVALE DI TIVOLI
2020

SAB 22 FEB Partenza in mattinata per Roma, arrivo e visita alla straordinaria MOSTRA FRIDA KAHLO presso SET Spazio Eventi Tirso. Un viaggio a 360 gradi nel mondo di Frida Kahlo. All’interno dell’esposizione dal titolo “Il Caos Dentro” è possibile seguire dei percorsi tematici per immergersi completamente nel mondo di Frida e accedere a focus dedicati alle singole opere. Si tratta di una modalità nuova per approfondire la conoscenza dell’artista messicana grazie a contenuti originali che spaziano dal rapporto di Frida con il corpo, alle sue relazioni con la politica, fino al valore di una pittura che va ben oltre la leggenda pop. In questo viaggio sarà anche possibile apprezzare gli angoli più rappresentativi dell’interno della sua storica abitazione di città del Messico. A Casa Azul, Frida visse sin dall’infanzia, prima con la sua famiglia e successivamente con il marito Diego Rivera. Oggi è la sede del museo a lei dedicato. Una grande Mostra sensoriale tutta da esplorare, curata dagli esperti nel settore, presenta una visione della vita e degli amori di Frida Kahlo attraverso le sue vibranti lettere, le sue candide fotografie e le opere viste attraverso la tecnologia in una prospettiva immersìva e coinvolgente. Si racconta la storia di un’artista unica, percorrendo i luoghi della sua vita: la sua casa a Città del Messico, la sua camera da letto, il suo studio, il giardino di Casa Azul. Nel percorso lo spettatore acquisisce una più profonda comprensione delle relazioni di Frida con il marito, l’artista Diego Rivera e attraverso gli scatti del fotografo Leo Matiz, si legge una storia intima e personale della donna icona dell’arte contemporanea. Un’esperienza di avvicinamento alla cultura del Messico, un viaggio nel mondo della pittrice simbolo del XX secolo. Al termine dell’interessante visita, passeggiata guidata all’insolito QUARTIERE COPPEDÈ, un piccolo gioiello, uno dei quartieri più caratteristici della città. Un angolo di Roma dalle fattezze inaspettate e bizzarre, un fantastico miscuglio di arte Liberty, Art Decò, con contaminazioni di arte greca, gotica, barocca e addirittura medievale è un luogo suggestivo che regala forti emozioni composto da 26 palazzine e da 17 villini, a due passi dal centro storico, popolato da fate, da personaggi mitologici e da villini incantati che sembrano usciti dalle fiabe o da film.
DOM 23 FEB Trasferimento al centro di Roma. Visita alla suggestiva BASILICA DI SAN CLEMENTE al Laterano un capolavoro dell’arte medievale da dove scendendo pochi gradini si accede alle case romane ed ad un singolare Mitreo, si prosegue con la visita alle sontuose TERME DI CARACALLA, rappresentano uno degli esempi più grandiosi di terme imperiali di Roma grazie al loro stato di conservazione. Fu per volontà dell’imperatore Caracalla che vennero realizzate tra il 212 e il 217 d.C. Nel primo pomeriggio trasferimento a Tivoli RM, per assistere al bellissimo, vivace e colorato CARNEVALE TIBURTINO è un appuntamento con una lunga tradizione, uno dei più importanti eventi carnevaleschi nel Lazio. Le origini del Carnevale Tiburtino risalgono alla fine del XVI secolo, quando il Cardinale Ippolito d’Este consolidò la propria residenza da queste parti, numerosi Nobile dell’epoca furono invitati dal Cardinale a trascorrere le festività del Carnevale. Dopo l’unita d’Italia giunsero i carri allegorici. La maschera tipica del Carnevale di Tivoli è lo Zì Baldone, un personaggio che si contraddistingue con il suo aspetto baldanzoso che mette in mostra divertimento e allegria. Rientro a Bari previsto in serata.

________________________________________________________

VEN 03 GEN 2020

NAPOLI TEATRO SAN CARLO

STAZIONE METROPOLITANA TOLEDO

In mattinata partenza per Napoli, arrivo a destinazione e passeggiata alla storica Via Toledo, cuore di Napoli, la via dello shopping che incrocia i quartieri Spagnoli e si snoda tra Piazza del Plebiscito, Palazzo Reale e Galleria Umberto I. Una delle vie più belle e caratteristiche di Napoli, negozi, caffè e pasticcerie che si susseguono. Arrivati al termine della via Toledo è d’obbligo una sosta al Gambrinus o al Caffè del Professore, due bar storici di Napoli. Visita alla STAZIONE TOLEDO DELLA METROPOLITANA DI NAPOLI, progettata dall’architetto catalano Oscar Tusquets e inaugurata nel 2012 lungo la linea 1, è una tra le più belle al mondo. La più bella d’Europa, secondo il quotidiano britannico Daily Telegraph. Nel pomeriggio TEATRO SAN CARLO Spettacolo LO SCHIACCIANOCI, balletto con Musiche di Piotr I. Tchaikovsky. Da molti anni il Teatro San Carlo, come i teatri più importanti del mondo, celebra il Natale con la messa in scena de Lo Schiaccianoci, il balletto più rappresentato durante le feste, che continua ad incantare adulti e bambini. Tratta dal racconto di Ernst Theodor Amadeus Hoffmann definito anche il balletto dei valzer, da quello dei fiocchi di neve al valzer dei fiori fino all’apoteosi finale, non mancano momenti di grande danza come il Pas de deux conclusivo, avvolto da una musica struggente, e brani indimenticabili come la battaglia dei topi e dei soldatini o il divertissement del secondo atto che include la danza spagnola, araba, russa, cinese e la pastorale. Lo Schiaccianoci anticipa in qualche modo il balletto psicologico del Novecento, ispirarando numerose versioni tra cui quella di George Balanchine (1954), Rudolf Nureyev (1968), John Neumeier (1971), Roland Petit (1973), Mark Morris (1991), fino a quella di Maurice Béjart (1998). Balletto in due atti e tre scene basato su uno scenario di Marius Petipa dalla versione di Alexandre Dumas. Prima rappresentazione a San Pietroburgo Teatro Mariinsky 18 dicembre 1892.

Direttore Karen Durgaryan, Coreografia Giuseppe Picone, scene Nicola Rubertelli, costumi Giusi Giustino, interpreti fata confetto Maia Makhateli, Luisa Ielluzzi, Claudia D’Antonio, Anna Chiara Amirante, Principe Matthew Golding, Alessandro Staiano, Salvatore Manzo, Danilo Notaro, orchestra balletto e coro di voci bianche del Teatro di San Carlo. Durata 2 ore circa con intervallo. Al termine dello Spettacolo partenza per Bari, rientro previsto in serata.